logo-bianco-spamm-e1381332605818

Lo SPAMM – SPazio Aperto MultiMediale è uno spazio del riuso inserito all’interno delle attività socioculturali e lavorative previste all’interno del CARL – OSC di Mendrisio. Questo Spazio nasce dall’incontro del territorio della provincia di Varese e del Canton Ticino sulla consapevolezza che non si può pienamente parlare di sviluppo sostenibile se tale processo non comprende a pieno titolo l’attenzione agli impatti sociali e non agisce nella direzione di creare opportunità di inclusione e coesione sociale.

Lo SPAMM è inoltre un progetto socio culturale che mira alla sostenibilità sociale, ambientale ed istituzionale intesa come miglioramento della qualità di vita, di partecipazione, di opportunità d’inclusione e di riutilizzo di materiale di scarto. Sono valorizzate azioni che promuovono l’inserimento lavorativo, l’espressione creativa e lo sviluppo della potenzialità degli ospiti e degli utenti. Con questo spirito guida, Lo Spazio fa parte di un progetto pedagogico educativo più articolato che mira al miglioramento della qualità della vita dei fruitori della struttura.

Perché uno spazio del riuso creativo a Casvegno?

“Quando, all’inizio del 2008, ci è stato presentato il progetto di cooperazione Transfrontaliera ReMida all’interno del Centro abitativo ricreativo e di lavoro (CARL), mirato al riutilizzo creativo del materiale di scarto,  è nato subito da parte nostra un grande interesse.

L’idea che i rifiuti siano risorse rappresenta un modo nuovo, ottimista e propositivo di vivere l’ecologia e di “costruirne” il cambiamento valorizzando i materiali di scarto, i prodotti non perfetti e gli oggetti senza valore, per accedere all’idea di nuove possibilità di comunicazione e creatività, in una logica di sostenibilità e rispetto dell’oggetto, dell’ambiente, dell’uomo.

Il lavoro che si cerca di sviluppare al CARL tende in fondo a questi principi. Gli ospiti del nostro istituto potrebbero sembrare soltanto dei soggetti bisognosi ai quali la nostra società evoluta si impegna a dare una mano. I nostri laboratori potrebbero essere soltanto luoghi di occupazione del tempo dove il lavoro prodotto è qualcosa di “inutile”.

E invece no! Il nostro tentativo diventa quello di permettere ai nostri ospiti di (ri)avere una dignità, di essere parte integrante di questa società e non soltanto in quanto beneficiari di aiuti che questa buona società elargisce, anche se sempre con maggiore difficoltà.

Riutilizzare diventa allora l’occasione di consentire ai nostri ospiti, attraverso formazioni adeguate, di essere promotori di cambiamento; saranno loro che garantiranno il funzionamento dello spazio  dedicato al riutilizzo creativo, saranno loro che incontreranno le ditte e le industrie, che accoglieranno le persone che vorranno accedere al nostro laboratorio, saranno loro quindi che porteranno avanti l’idea del progetto.

In questo modo gli ospiti saranno il motore del cambiamento, saranno quelli che ci faranno vivere un modo diverso e più sostenibile, diventeranno protagonisti di questa esperienza e non puramente beneficiari  di interventi a loro dedicati.

I nostri ospiti saranno quindi le risorse alle quali il progetto farà capo diventando così primi attori di un processo di cambiamento che coinvolgerà mano a mano persone ed enti sempre più lontani da Casvegno.

Il CARL diventa quindi promotore dello SPAMM del riuso creativo; spazio che cerca di proporre nella nostra realtà i principi di ReMida adattandoli alle nostre esigenze e ai bisogni della nostra utenza.”

Patrizio Broggi, Direttore CARL – OSC  Casvegno, Mendrisio

Dov’è e Cosa fa

SPAMM è situato nel vasto parco di Casvegno ed è una proposta del Centro Abitativo Ricreativo e di Lavoro, Istituto dell’Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale a Mendrisio, Canton Ticino, Svizzera. Il CARL accoglie ospiti adulti con una patologia psichiatrica di tipo cronico. Il CARL rappresenta un luogo protetto in cui tutte le sue funzioni – abitazione, lavoro, gestione del tempo, interventi educativi e di apprendimento – permettono all’ospite di vivere in armonia con le proprie potenzialità.

cartina-casvegno-due

SPAMM è un punto d’incontro fra diversi linguaggi multimediali e attività nell’ambito della salute mentale. Spazio che vuole essere una piattaforma condivisa di partecipazione, comunicazione ed informazione per tutto ciò che riguarda gli avvenimenti del quartiere di Casvegno ma anche spazio di sperimentazione per dare voce a tutti coloro che vivono esperienze di disagio sociale. Un luogo dove prima che ospiti, utenti, operatori, si è persone. Persone che attraverso varie forme d’espressione possono rendersi protagonisti.

Nell’insieme lo SPAMM offre ai visitatori dimensioni d’incontro che promuovono la complementarietà tra linguaggi creativi e  discipline artistiche e che per potranno portare anche alla realizzazione di progetti con funzione sociale.


Lo Spazio Aperto MultiMediale

Lo SPAMM mira a proporre i seguenti servizi di sostenibilità:

  • Sociale, inteso come capacità di garantire e migliorare le condizioni di benessere umano come per esempio la sicurezza, la salute, l’apprendimento;
  • ambientale, come capacità di mantenere qualità e riproducibilità delle risorse naturali;
  • istituzionale, come capacità di assicurare condizioni di stabilità, democrazia, partecipazione;
  • culturale, come contaminatore di idee, di pensieri, di stile di vita.

Lo Spazio rappresenta quindi un pragmatico punto d’incontro fra diversi linguaggi, una piattaforma condivisa di partecipazione, uno spazio di sperimentazione per dare voce a tutti coloro che vivono esperienze di disagio sociale. Un luogo dove prima che ospiti, utenti, operatori, si è persone. Persone che attraverso varie forme d’espressione possono rendersi protagonisti. del loro progetto di vita futuro.

Nell’insieme lo SPAMM offre ai visitatori dimensioni d’incontro che promuovono la complementarietà tra linguaggi creativi e discipline artistiche che potranno portare alla realizzazione di progetti con funzione socioculturale.

Gli obiettivi da perseguire sono:

  • il coinvolgimento di beneficiari finali appartenenti a fasce deboli
  • la gestione da parte degli ospiti CARL
  • la collaborazione con privati quali fornitori di materiale ed eventuali partner che possono favorire l’inclusione socio lavorativa
  • l’organizzazione di attività con linguaggi creativi e discipline artistiche
  • la creazione di oggetti e installazioni
  • l’ideazione e la realizzazione di eventi socioculturali rivolti alla cittadinanza.

Spazi e attività

Lo SPAMM è composto dallo Spazio dell’Espressione e dallo Spazio del Riuso creativo.
Lo Spazio dell’Espressione vuole essere palestra d’espressione, elaborazione, ricordo, ascolto e confronto d’idee. E’ composto da:

  • Comitato CARL – Punto d’incontro nel quale proporre ed attivare, informare, organizzare e realizzare idee, sogni e progetti socioculturali
  • Radio Casvegno – Piattaforma multimediale dove trasmettere, registrare trasmissioni radiofoniche, creare  e realizzare musica e video
  • Gruppo scrittura – Attività nella quale raccontare la propria storia di vita attraverso la scrittura e la lettura di testi autobiografici
  • Agorà del Settimanale – Spazio di parola del Settimanale dove raccogliere proposte, dialogare  e leggere scritti  su  temi di attualità  e avvenimenti del quartiere di Casvegno.

logo arancione spamm

Il laboratorio Editoria Agorà è in grado d’offrire del lavoro qualificato (pubblicazione del Settimanale, Periodico Agorà, collaborazione radiofonica, eventuali pubblicazioni). Potranno essere organizzti corsi formativi di base per la trasmissione della propria esperienza nell’uso della tecnologia informatica.

Altre proposte (manuali, grafiche e altro ancora) sono da considerare quali strumenti di espressione, di mediazione, di relazione e di ricerca per un’identificazione come protagonista attivo della costruzione del proprio progetto di vita.


Lo Spazio del Riuso creativo

Questo spazio mira alla sostenibilità sociale, ambientale ed istituzionale intese come miglioramento della qualità di vita, di partecipazione, d’opportunità d’inclusione e di utilizzo del materiale di scarto. Sono valorizzate azioni che promuovono l’inserimento lavorativo, l’espressione creativa e lo sviluppo della potenzialità degli ospiti e degli utenti. Con questo spirito guida, lo spazio fa parte di un progetto pedagogico educativo più articolato che mira al miglioramento della qualità della vita dei fruitori della struttura.

Attraverso le attività vengono coinvolti beneficiari finali appartenenti a fasce deboli, la gestione da parte degli ospiti del CARL, soggetti privati come ad esempio imprenditori ed artigiani quali fornitori di materiali o partners per favorire un’inclusione socio lavorativa.

Nello spazio sono creati e realizzati oggetti mirati ad allestimenti o alla vendita, oppure ancora, alla realizzazione di eventi rivolti alla cittadinanza.

Lo Spazio del Riuso creativo comprende:

  • la bottega, luogo del fare e dell’apprendere
  • l’emporio, luogo d’esposizione, di scambio e di vendita
  • l’angolo della luce, luogo dove esplorare e sperimentare con altri occhi
  • magazebo, luogo dove si ri-trovano i materiali sbagliati, rotti e dimenticati.

A chi si rivolge

Il progetto si rivolge ad adulti svantaggiati e in particolare:

  • agli ospiti del CARL, che gestiranno lo Spazio e le sue attività
  • agli utenti del quartiere di Casvegno, ad Istituti sociali, alle Fondazioni, alle Cooperative, agli Enti pubblici.  Gli Istituti sociali pubblici e privati saranno coinvolti per favorire collaborazioni legate al riutilizzo di materiali finalizzate alla messa in comune di esperienze e alla diffusione delle prassi
  • alla cittadinanza e altri portatori d’interessi potranno accompagnare i progetti di sviluppo sostenibile, partecipando attivamente agli eventi organizzati

Logo-SPAMM

Testo ed informazioni prese dal Sito: http://www.modusriciclandi.info/remida/