RADIO CASVEGNO HOMEPAGE LOGOBenvenuti su Radio Casvegno! Un progetto di comunicazione radiofonica di Radio Gwendalyn in collaborazione con l’Organizzazione Sociopsichiatrio di Mendrisio e i suoi fantastici ospiti, l’attiva redazione dell’Agorà e gli animatori del CARL. Ascoltate le registrazioni, podcast e interviste dalla radio che libera la mente!


RADIO CASVEGNO Il progetto Radio Casvegno ci permette di creare uno spazio d’espressione per dar voce a persone che vivono una realtà diversa, e allo stesso tempo far conoscere all’esterno le storie di vita di persone le quali  spesso subiscono stigmate o pregiudizi per il loro sguardo differente a causa di un disagio esistenziale. Progetto di costruzione e sviluppo di un Spazio Aperto MultiMediale nel Centro Abitativo Ricreativo e di Lavoro (CARL, vedi allegato 1)  presso l’Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale (OSC) di Casvegno a  Mendrisio, Ticino, Svizzera. All’interno del CARL la comunicazione è investita di una enorme quantità di  storie di vita, un microcosmo organico di interazioni e relazioni. Gli ospiti del CARL sono parte della popolazione di Casvegno e sono anch’essi contribuenti dell’enorme insieme di simboli e significati che caratterizza il nostro linguaggio e perciò anche della nostra realtà culturale e sociale. Il disagio psichico esistenziale sono parte della condizione umana che caratterizzano e definiscono la personalità dell’essere umano. Con questo progetto si vuole creare delle relazioni tra le diverse modalità rimanendo in un ‘area di pregiudizio che spinge alla scoperta e all’incontro dell’altro in uno scambio di sguardi e di esperienze che spingano al cambiamento della cronicità delle chiusure mentali. Per contribuire a questa visione e rendere possibile l’interazione tra le diverse realtà è necessario creare ponti di comunicazione come il progetto di Radio Casvegno. Da questo contesto sono nate una serie di incontri radiofonici tra ospiti del CARL di Mendrisio e Radio Gwendalyn. Spazi mensili per sperimentare interazioni radiofoniche. Gli ospiti a  cui è stato proposto il progetto sono state le persone, ospiti ed operatori sociali, che si occupano della Redazione del settimanale e del periodico che si stampa all’interno dell’istituzione, l’Agorà e il Settimanale dell’Agorà. Le persone contattate inizialmente sono state le persone che si occupano del giornale, esse hanno aderito fin da subito al progetto, poiché ricettive, interessate ma anche sensibili alla comunicazione ed all’espressione delle persone che vivono e lavorano in un contesto di cura. Gli incontri altresì hanno dato modo di ospitare altre persone che hanno avuto la possibilità di raccontare e raccontarsi attraverso gli articoli dei giornali, propri racconti di vita e anche attraverso “chiacchierate radiofoniche”.


4.Contesto iniziale del progetto Il progetto vuole continuare una collaborazione tra Radio Gwendalyn e CARL nata nel novembre 2011 con una serie di incontri mensili di un’ora circa, avvenuti presso gli studi di Radio Gwendalyn a Chiasso. Ai 12 incontri , fino ad oggi organizzati, hanno partecipato 20 ospiti e 6 operatori sociali realizzando 7 trasmissioni audio trasmesse in podcast da Radio Gwendalyn. La collaborazione nata da uno scambio di interessi comuni tra un operatore ed un responsabile della radio-web è continuata nel presentare la radio al gruppo di redazione del giornale interno del CARL, a cui è seguita l’idea di dar voce agli scritti realizzati durante le attività. A questi incontri si sono alternati ospiti della redazione ed ospiti che destavano interesse nel raccontare o leggere degli scritti o la propria storia, altri che volevano far conoscere tracce musicali autoprodotte ed altri ancora che volevano anche solamente uscire dall’istituzione per una mattinata. Durante questi incontri è sorta la voglia e l’interesse di creare una struttura indipendente di comunicazione multimediale all’interno del CARL, mantenendo le uscite alla radio di Chiasso.